Spazio aperto – Dialogo col XX° Municipio

Tramite questo blog vogliamo aprire un dialogo tra i cittadini ed i rappresentanti del livello istituzionale più vicino al territorio ossia il XX° Municipio di Roma.

L’invito alla giunta ed ai consiglieri municipali  è di fornire per quanto possibile delle risposte ai cittadini. Ben venga l’intervento di chi per i prossimi 5 anni ha ricevuto il mandato di gestire il territorio. Lo spazio è aperto, senza preclusioni di alcun genere, ci aspettiamo interventi costruttivi e soprattutto risposte alle segnalazioni dei cittadini, che troppo spesso hanno l’idea di essere abbandonati alle loro problematiche.

In particolare è bene evidenziare che 4 consiglieri sono di Cesano (Mocci, Sciarretti, Torquati e Pandolfi) ed un consigliere seppure residente in altra zona del Municipio XX° ha presentato in campagna elettorale uno specifico programma per Cesano (Cons. Stefano Erbaggi).

Inoltre auspichiamo che il Presidente Gianni Giacomini si interessi della nostra zona anche attraverso questo  strumento di dialogo con la popolazione locale.

La Redazione

13 risposte a Spazio aperto – Dialogo col XX° Municipio

  1. Erbaggi scrive:

    Complimenti per l’iniziativa!
    avremo modo di lavorare insieme!

    Stefano Erbaggi
    Cons. PDL Municipio Roma XX
    347-0345297 stefanoerbaggi@hotmail.it

  2. Roberto scrive:

    Ritengo che l’iniziativa di Cesano Informa costituisca una ghiotta opportunità di incontro sia per i cittadini che per gli amministratori pubblici, della quale il Consigliere Stefano Erbaggi sembra averne colto appieno lo spirito innovativo e propositivo.
    E’ sicuramente un buon inizio che mi auguro possa contribuire ad accorciare le distanze tra i cittadini e i politici locali.
    Credo che questa sia la direzione giusta per cercare di fare qualcosa di buono per Cesano ed i Cesanesi.

  3. N.Contino scrive:

    Quando deciderete di prendere o quanto meno pensare a qualche provvedimento per le folli corse delle auto su via colle feebbraro è troppo tardi,vedrete che quanto prima(mi auguro di no) ci scapperà il morto,magari un pedone/bambinoinvestito o qualche scontro frontale.
    E’ davero incredibile ed incivile quello a cui noi abbitanti di questa via siamo costretti a subire,paura in primis quando i nostri figli scendono o salgono sul bus che li porterà a scuola,la strda diventa fin dalle prime ore del mattino e fino a tarda notte un circuito dove lanciare la propria auto a folle velocità:
    Mi sono stancato di litigare civilmente il prossimo passo sarà : mi armerò di cemento e io stesso costruiro dei dossi artificiali nei pressi del mio numero civico.
    ripeto il giorno che qualcosa di brutto accadrà vi farete vivi con le vostre canoniche frasi fatte,mi rattrista ancora di più sapere che su questa strada circuito ci vive uno dei consiglieri a cui rinnova la mia fiducia col voto da quando ha fatto inizio la sua carriera politica.
    Concludo dicendo che ancora più vergognoso e offensivo è l’assoluta assenza delle forze dell’ordine competenti.Vergogna.

  4. cesanoinformablog scrive:

    Comprendiamo lo sfogo di N. Contino, anche in considerazione del fatto che sul numero del 21 aprile 2006 di “CESANO INFORMA” riportavamo la segnalazione che segue di un abitante di via Colle Febbraro.

    “Via di Colle Febbraro?
    No via autodromo di Vallelunga

    Gentilissima redazione,
    Pur non essendo assolutamente della vostra corrente politica, anzi all’opposto, non posso però fare a meno di congratularmi con voi per quanto fate con il vostro piccolo giornalino, che leggo con molto piacere anche perché si è vero che siamo distanti sulle idee politiche ma è anche vero che voi date la possibilità a tutti i cittadini di poter dire la loro,denunciare carenze di varia natura, e la possibilità d informarsi su tutto quello che accade nella borgata di Cesano. Allora colgo l’occasione al volo per denunciare un fatto molto sgradevole che da 8 anni mi trovo a combattere perrsonalmente.

    Io vivo in Via di Colle Febbraro, ( si quella via dove hanno installato l’antenna per la telefonia, ma questo è un altro discorso) anche se secondo me dovremmo cambiare il nome della via in Rettilineo autodromo Vallelunga, giusto per restare in zona geografica. Perché dico questo? Semplice, la suddetta via è diventata un arteria importante che chi da via Baccanello vuole evitare il traffico e le code che si formano lungo la stessa causa incrocio con Via Della Stazione, allora perché non approfittare e “tagliare” per via di Colle Febbraro? Normalissimo è una strada comunale di libero accesso, ma non un autodromo, dove si è liberi di scorazzare a velocità estrema, senza pensare minimamente che causa mancanza di marciapiedi la strada è percorsa ed attraversata dai pedoni, e questo finché sono adulti ok, sanno come evitare l’autobolide che sfreccia sulla strada, ma quando invece si tratta di bambini? Come comportarsi? Io ho due figli che passano da una casa all’altra attraversando la strada e quanto educazione stradale puoi dargli quando vedono o sentono l’odore del gioco possono anche dimenticare di guardare prima di attraversare i due metri che li separano dalla casa dell’amichetto, inoltre quando arriva lo scuola bus sempre la stessa storia bisogna fare molta attenzione.

    Ora mi chiedo e vi chiedo, ma perché non installare le strisce gommate che li costringono a rallentare?
    Magari una ogni 20 metri, con tanti soldi che si spendono inutilmente perché non farlo? Io penso che il problema si potrebbe risolvere, oppure si aspetta il peggio?
    Che magari qualcuno o qualche bambino viene investito per poi correre ai ripari? Io ho già litigato parecchie volte,e continuerò a farlo anche a costo di usare la violenza,e mi auguro che non succeda mai qualcosa di grave alle persone mie care, perché quello sarà il giorno che io finirò in galera, mi spiace concludere questa lettera cosi, ma credetemi da 8 anni vivo con il terrore che possa succedere, è solo questione di tempo e di imprudenza,tu chiamala se vuoi inciviltà.
    Distinti Saluti

    e-mail firmata”.

    Come è evidente a distanza di due anni il problema della sicurezza stradale di Via Colle Febbraro è rimasto senza risposte concrete.

    Lo dimostra l’analogo tenore delle segnalazioni.

    LA REDAZIONE DI CESANO INFORMA

  5. N.Contino scrive:

    Grazie per aver pubblicato la mia e-mail di protesta,anche se in realtà in un contesto civile neanche avrei dovuto scriverla,non basta essere educati quando si vive di solo gambe,ma la civiltà e l’educazione deve continuare anche durante la guida.
    L’unica cosa positiva è sapere che c’è qualcun altro oltre la redazione che si preoccupa del pericolo che incombe giornalmente su via di colle febbraro
    Rischio di essere ripetitivo e logorante,probabilmente i nostri eletti politici e le nostre istituzioni altro a cui pensare,mi auguro che al più presto ci sia una smentita. Mi piacerebbe alzarmi una mattina uscire da casa e notare che la nostra amministrazione ha trovato la soluzione adeguata che accontenti tutti.

    Distinti Saluti

  6. Erbaggi scrive:

    Salve sig. Contino,

    se non le dispiace mi piacerebbe parlare dell’argomenot con lei, così che si possa trovare una soluzione.
    Le anticipo che non è possibile realizzare dei dossi artificiali in quanto sono contrari al codice della strada.

    Attendo sue notizie,

    Stefano Erbaggi
    347-0345297 stefanoerbaggi@hotmail.it

  7. GASPERINO scrive:

    IO PURTROPPO, ho avuto questa brutta, ma non so se la parola brutta riesce a esprimere certe esperienze, io vorrei che nessuno al mondo capisse, perchè capire significa come morire, essere morti che camminano, ma ora cerchiamo di vivere, e cerchiamo di andare avanti, come dice l’mico di colle febbraro ,bisogna prendere dei provvedimenti ,ed è giusto e urgente ,ma noi siamo solo dei cittadini normali , quelli che non sono normali sono quelli che ci dicono che loro sono a nostra disposizione che ci ascoltano ,che dicono che hanno a disposizione esperti avvocati professori letterati ,che stanno li’ per risolvere i nostri problemi ,si perchè quei problemi come se loro non li conoscessero come se loro vivessero sulla luna ,come quello che l’ha fatta asfaltare non aveva visto la situazione di colle febbraro,<ma io questi signori quasi tutti di quelli che hanno detto che sono a nostra disposizione < il giorno delle elezioni erano davanti alla scuola dove si votava, naturalmente senza distinzione di appartenenza politica , e come dicevo facevano la spola trà la scuola e i bar salutando tutti, distribuendo pacche sulle spalle come se fossero grandi fratelli
    Ora voi li avete più visti questi grandi fratelli?
    SI ma ci dicono che sono a nostra disposizione, MA CHE BELLE PAROLE
    IO mi interesso di politica ma non sono inpegnato in nessun modo con nessuno, perche secondo il mio parere, l’unico modo di fare politica è quello di cercare in ogni modo di far capire alla gente come stanno veramente le cose ,quali sono i problemi reali quali sono le necessità della gente normale ,della gente come noi come quelli che prendevamo le pacche sulle spalle il giorno delle elezioni e che davanti ai bar davano la mano a tutti IO questi signori ormai li conosco troppo bene per credere a quello che ci dicono ,potrei fare un lungo elenco di cose urgenti che potevano fare e non le hanno fatte ,ma voi cesanesi le conoscete meglio di me ,una sola su tutte la scuola
    MA VOIsiete stati a votare in quella scuola?, siete stati mai di notte in quella scuola?
    Avete visto che non esiste illuminazione? Ma quando d’inverno ci sono dei corsi serali ed alle cinque del pomeriggio è buio mandereste vostra moglie vostra figlia o chiunque sia in quella scuola di notte? e poi bisogna sentirsi dire che questi signori sono a nostra disposizione ? ma quando hanno illuminato quella via privata ,via federico bocchetti ,bene hanno fatto molto bene ad ill’uminarla anche da come hò saputo a qualcuno non interessava
    Bene voi direte che c’entra via bocchetti con la scuola, è qui che cascò l’asino , perchè loro hanno affermato che non’è sta illuminata la via della scuola perche è tuttora una strada privata.
    MA a voi vi sembra gente normale questa ? come hanno fatto a costruire una scuola se non avevano una strada?,ma questi esperti che dicono che sono a nostra disposizione ce lo potranno spiegare? ma io non ci tengo che lo spieghino a me ma lo devono spiegare alla gente di cesano, e non lo devono spiegare, a modo loro ma lo devono dire alla gente normale ,con i fatti ,non con le chiacchere ,perchè altrimenti loro sentiranno sempre di più qualcuno che gli ricorderà che non sono tanto normali a comportarsi in questo modo
    BENE io non voglio dilungarmi oltre ,anche se starei delle ore starei ore a dire quello che sento dentro di me ,ma una cosa è certa ,qualsiasi cosa io dica o io scrivo la conservo sempre con molta cura , e se a qualcuno venisse in mente di dire che non hanno capito ,sarà meglio che lo ricordino, perchè loro sono quelli che ci dicono a noi state tranquilli che tutti i vostri problemi siamo pronti per risolverli.
    A PROPOSITO di colle febbraro che abbiamo parlato all’inizio ,io vorrei dire a quel signore che diceva che prima o poi succederà ,non lo deve dire più , per carità
    A NOI io parlo della mia famiglia è successo PURTROPPO e credimi, mentre sto scrivendo mi sono dovuto fermare perche sono sconvolto
    DEVO SMETTERE ,PERCHE QUESTO RICORDO HA PRESO TUTTA LA MIA ISPIRAZIONE CHE AVEVO E MI A FATTO DIMENTICARE TUTTIGLI ALTRI PROBLEMI
    SCUSATE, MA CI RISENTIREMO PRESTO
    GASPERINO

  8. Cicero scrive:

    La sicurezza stradale tanto dei pedoni quanto degli automobilisti è un aspetto importante di cui occorre prendersi cura, le motivazioni sono palesi, non c’è bisogno che le stia ad elencare qui. Partiamo dalla considerazione che a Cesano indubbiamente la viabilità presenta diverse criticità in vari punti del territorio, si va dagli incroci viari al problema dell’alta velocità dovuta al mancato rispetto dei limiti di legge che impongono il massimo di 50 km/h nel centro abitato. Aggiungiamoci poi che in parecchie strade mancano i marciapiedi, e d’altra parte era da aspettarselo in alcune aree edificate senza un progetto generale, ossia senza un piano regolatore, che prevedesse appunto marciapiedi, illuminazione pubblica, etc…

    Per via Colle Febbraro il problema non ci sarebbe se chi transita con l’autovettura avesse buon senso, rispetto degli altri (e quindi anche dei pedoni), ed osservasse il codice della strada. Appunto è proprio il regolamento di attuazione del codice della strada, all’articolo 179, a vietare l’installazione dei dossi su vie che costituiscono itinerari preferenziali dei mezzi di soccorso o di pronto intervento.

    A questo punto penso che le soluzioni potrebbero essere altre come controllo elettronico della velocità (autovelox) sulla via e/o l’incremento della presenza dei vigili urbani al fine di “ricordare” a chi sfreccia con la macchina che esiste un limite di velocità.

  9. N.Contino scrive:

    Felice che il problema da me sollevato è d’interesse e attenzione comune.

    Apprendo dal Consigliere Erbaggi che l’installazione dei dossi è vietata e mi chiedo anzi vi chiedo come mai in alcuni comuni i dossi sono istallati? Meglio non tute le vie costituiscono itinerari preferenziali per i mezzi di soccorso? Mistero.

    Certo è che il problema per via colle febbraro credetemi sussiste ogni giorno sempre di più, fin dalle prime luci dell’alba, e visto che gli addetti al controllo latitano (anzi no li vedo spesso fermi al bar a gustare qualcosa) noi siamo qui a cercare una soluzione, e come giustamente ricorda il sig Cicero basterebbe usare un pò di buon senso,rispetto degli altri ed osservare il codice della strada,ma la realtà dice ben altro,ed il mio timore,caro signor Gasperino carbonaro,cresce ogni giorno sempre di più,che prima o poi qualcosa di brutto accada.

    Certo gli autovelox, basterebbe istallarne uno,con le adeguate segnalazioni,magari una serie di posti di blocco con autovelox per contestare immediatamente l’infrazione,per un certo periodo in modo da scoraggiare chi usa la via come autodromo,e credetemi la mia fissazione è cosi alta al punto di aver notato e immagazzinato molti volti,appuntando orari e tipologia di automobile,lo sò chematemi pazzo maniaco,ma io ho due figli piccoli e la cosa mi spaventa moltissimo.

    Cordiali Saluti

  10. michele scrive:

    e che dire di Via Prato Corazza? Il limite di velocità (30Km) c’è ma chi lo fa rispettare? Il marciapiede e l’illuminazione pubblica ci sono solo fino ad un certo punto. Però via Bombig e Via Ponte degli incastri le hanno illuminate!!!!!!!

  11. Marcello scrive:

    Via Cesanese.
    Sono costretto nuovamente a scrivervi per segnalare dei problemi riscontrati in Via Cesanese e vi prego di inviare la seguente al consigliere Stefano Erbaggi.
    Da quando e’ stato chiuso il primo pezzo per i lavori di allargamento la suddetta via sta diventando luogo di discarica.
    Nei giorni scorsi ho trovato un divano blu scaricato sul ciglio della strada.
    La strada e’ in totale stato di abbandono, le erbacce crescono e alcuni rami intralciano quasi totalmente il transito delle autovetture, oltretutto tale strada e’ ora a doppio senso di marcia e se prima era stretta e si camminava male figuriamoci ora.
    La pulizia non viene piu’ effettuata, nonostante l’ente preposto continui a essere pagato per la pulizia della suddetta.
    E inoltre da quando sono state smantellate tutte quelle baracche ai lati della strada, ho visto comparire una mandria di cani che forse erano rinchiusi li’ dentro. Anticipo che io amo gli animali, ma ne ho anche paura dei loro comportamenti e quindi mi sento molto insicuro quando devo fare una passeggiata, devo andare a prendere l’autobus, andare a gettare la spazzatura.
    Spero che le istituzioni si diano da fare per una repentina pulizia e la messa in sicurezza di tale strada.
    Inoltre che i cani che si vedono e sembrano abbandonati siano riaffidati ai proprietari oppure portati al piu’ presto al canile municipale, anche perch’ c’e’ sempre il rischio che si riproducano e diventino un numero tale da dover avere anche paura di uscire di casa.
    Distinti Saluti, Marcello e Simona.

  12. N.Contino scrive:

    Sarà vietato dal codice della strada ma Formello e le sue vie sono piene di dossi e non credo che i mezzi di soccorso passino solo dalla via centrale, quindi formello viola la legge, ma almeno le strade sono sicure.

  13. gaia scrive:

    in riferimento al divieto di installazione dossi sulle strade, vorrei segnalare l’art. 179 del regolamento del codice della strada comma 5 che consente l’utilizzo dei dossi artificiali “solo sulle strade residenziali, nei parchi pubblici, e privati, nei residences ecc; (…) Ne è vietato l’impiego sulle strade che costituiscono itinerari preferenziali dei veicoli normalmente impiegati per i servizi di soccorso o di pronyo intervento”. Orbene se è vietato l’uso dei dossi artificiali, il comma 1 consente pero’ di apporre SU TUTTE LE STRADE dei sistemi di rallentamento della velocità costiutuito da bande trasversali ad effetto ottico, acustico o vibratorio.
    si potrebbe quindi in luogo dei dossi artificiali optare per la soluzione di cui al primo comma non solo per evidenziare la pericolosità della strada in caso di forte velocità, ma anche per segnalare la presenza delle istituzioni e la loro operatività.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: